E’ dal 1291 che un editto impose la concentrazione delle vetrerie di Venezia nell’isola di Murano al fine di scongiurare il pericolo di incendi nel centro cittadino.

Nel XIV secolo i vetrai veneziani   misero a punto un vetro che per la somiglianza con il cristallo di rocca, venne appunto chiamato cristallo.

Per diversi secoli mantennero la supremazia assoluta artistica e commerciale, producendo vasi, coppe, piatti di elegante fattura e leggiadre decorazioni, accanto a diverse tecniche di lavorazione, spicca la realizzazione dei celebri calici molto leggeri e slanciati, realizzati in vetro colorato.

Nel 1600 i vetri di Murano vengono esportati in tutta Europa ed è  questo successo che determina la produzione in altri paesi di vetri foggiati ad imitazione di quelli di Venezia.